Powered by ZigaForm version 3.9.6.4

SEO – Scegliere il nome del dominio

Scritto da |2018-11-17T19:58:17+00:00novembre 16th, 2018|SEO|

Quale nome del dominio scegliere per il nostro sito web?

La scelta del nome del dominio è molto importante per la nostra attività o per individuare i contenuti del sito

SEO   •   17 Novembre, 2018   •   Ing. Stefano Basso

Scelta del nome del dominio

La scelta del nome del dominio, risulta essere importante dal momento che identificherà la vostra attività, anche se dal punto di vista SEO molti sono concordi nel dire che non porta grandi vantaggi. Il nome di dominio (Domain Name) viene letto e interpretato dai server DNS (Domain Name System), che associano all’indirizzo digitato nel browser l’indirizzo IP (Internet Protocol address) del server su cui risiedono i file del sito web. Analizziamo prima la struttura di un URL (Uniform Resource Locator), partendo da un esempio:

https://www.primositoweb.it

http:// (Hyper Text Transfer Protocol): protocollo per lo scambio di informazioni tra diversi computer utilizzato per la trasmissione di informazioni attraverso il web;
https:// (HyperText Transfer Protocol over Secure Socket Layer): protocollo per lo scambio di informazioni sicuro tra diversi computer utilizzato per la trasmissione di informazioni attraverso il web;
primositoweb: nome dell’host;
.it: estensione TLD (Top Level Domain). Può indicare un’area geografica (nel nostro esempio .it sta per Italia) o una categoria (.com per commerciale, .org per organizzazione non commerciale)

Struttura del nome del dominio

Il nome del dominio è composto dall’estensione TLD e dal nome dell’host. I domini si suddividono in quattro livelli. Normalmente, dato il costo ormai estremamente contenuto, conviene registrare un dominio di secondo livello (www.primositoweb.it). I domini di terzo livello, o sottodomini (per esempio seo.primositoweb.it), pur essendo gratuiti, sono sconsigliati, dal momento che molto spesso hanno della pubblicità inserita.

Fatta questa premessa vediamo quali sono i fattori principali per la scelta del nome del dominio:

  • Branding: il nome del dominio deve identificare chiaramente la vostra attività e andrebbe scelto in funzione della ragione sociale, dei marchi e dei prodotti. Questo vale ovviamente per una azienda. Nel caso voglia realizzare un sito/blog a tema, posso pensare di scegliere un dominio che contenga come parola chiave la tematica trattata nel sito. Ad esempio se mi interessa creare un sito che abbia come argomento principale i “giocattoli costruiti in legno”, la mia scelta potrebbe cadere su “giocattoliinlegno.it”.
  • Brevità e facilmente ricordabile: i nomi di dominio brevi presentano notevoli vantaggi tra cui la facilità di essere ricordati e quindi “trasferiti” a potenziali nuovi visitatori (il passa-parola è ancora una ottima forma di pubblicità off-line). Inoltre nomi troppo lunghi non possono essere inseriti, ad esempio, negli annunci AdWords in quanto lo spazio a disposizione per l’URL di visualizzazione è di 35 caratteri, non superabili. La lunghezza massima consentita è di 63 caratteri, ma è buona norma che il nome del dominio non contenga più di 15-20 caratteri e 4 parole.
  • Univocità: evitate di utilizzare un nome di dominio che possa confondersi con gli altri, soprattutto se si tratta di competitors. È anche vero che oggi è molto difficile trovare nomi di domini unici e non confondibili. Bisogna essere fantasiosi e fortunati. Se il nostro business è ad esempio sulla telefonia mobile, trovare un nome di dominio univoco è praticamente impossibile. Tenete conto inoltre che ci sono molti domini registrati, ma mai utilizzati o che lo saranno in un prossimo futuro.
  • Attinenza con i contenuti del sito: la scelta del nome del dominio deve essere fatta sulla base delle tematiche che vengono trattate nel sito. Sembra una cosa ovvia ma molto spesso ho visto siti con domini che non avevano nulla a che fare con i contenuti del sito.
  • Estensioni: premesso che la migliore estensione in assoluto (ma la più utilizzata e quindi meno disponibile) è .com, la sua scelta deve essere coerente con il vostro tipo di attività e con il mercato di riferimento (in quale area geografica si colloca il vostro business ?). Se il vostro business ha come mercato di riferimento solo l’Italia, potete scegliere l’estensione .it. Un consiglio che posso darvi è, nel caso di disponibilità dell’estensione .com, di registrarla, per evitare che qualcuno approfitti della notorietà del vostro sito. Altre estensioni che potreste usare sono: .eu.org, .net e .biz (Business).

Aspetti SEO nella scelta del nome di dominio

La domanda che dobbiamo porci è la seguente: che influenza ha il nome del dominio nel posizionamento del sito web ? Leggendo articoli sul web o libri sul SEO (vi consiglio SEO power. Strategie e strumenti per essere visibili sui motori di ricerca) ho trovato pareri non sempre concordi. Partendo dal presupposto che il nomo del dominio deve rispecchiare quello che è il nostro business e contemporaneamente deve essere facilmente indicizzabile all’interno dei motori di ricerca, la sua scelta per scopi SEO deve seguire alcune semplici regole:

  • contenere al suo interno almeno la parola chiave primaria. Questo permette una maggiore visibilità nella lista dei risultati delle ricerche (SERP), dal momento che le parole chiave vengono evidenziate in grassetto. Inoltre, nel caso di backlink (link provenienti da siti esterni), avere inserito all’interno del dominio la keyword principale, conferisce al link stesso maggiore importanza agli occhi dei motori di ricerca
  • avere un IP dedicato: scegliete un provider che fornisca un IP dedicato al vostro sito. In caso contrario, ovvero se ad un IP sono associati più siti web, verrete penalizzati nel caso in cui uno di essi sia inserito nella lista dei siti bannati (Black List). Per siti ad alto traffico è praticamente obbligatorio utilizzare un server dedicato (o virtuale) con una opportuna banda e indirizzo IP dedicato, che permetta di gestire forti picchi di carico di visitatori per evitare rallentamenti durante il caricamento delle pagine web. Per verificare quali sono i siti hostati sul medesimo IP visitate il sito www.yougetsignal.com, mentre per controllare se un sito è stato inserito nella blacklist, visitate whatismyipaddress.com/blacklist-check.

Altri fattori che potrebbero influire sul posizionamento del sito sono l’età del dominio ed il suffisso del dominio rispetto al paese/lingua utilizzati. L’anzianità del dominio è in realtà un fattore SEO a volte sopravvalutato. Molti sono concordi nel dire che non è molto importante a livello SEO ed io sono sulla stessa loro linea.

Utilizzare la tecnica del redirect 301

Non sempre è possibile individuare un nome di dominio che coniughi il nostro brand con le strategie SEO. È possibile allora utilizzare una tecnica che rappresenta una via di mezzo tra brand e SEO. Innanzitutto si registra il nome del dominio che meglio rappresenta il vostro brand, dopodiché occorre registrare domini che contengano le parole chiave separate da trattini, usandoli come redirect 301 verso il sito principale. Questa tecnica può influire sui risultati nella SERP. Come tutte le tecniche SEO, non dovete abusarne.

Tools a supporto nella scelta del dominio

Potete trovare su Internet diversi tools che vi aiutano nella scelta del nome di un dominio. Tra questi vi consiglio:

  1. Godaddy
  2. MakeWords.com
  3. NameBoy

Lascia un Commento

golden goose outlet online golden goose femme pas cher fjallraven kanken backpack sale fjallraven kanken rugzak kopen fjällräven kånken reppu netistä fjallraven kanken táska Golden Goose Tenisice Hrvatska Basket Golden Goose Homme Golden Goose Sneakers Online Bestellen Kanken Backpack On Sale Fjallraven Kanken Mini Rugzak Fjällräven Kånken Mini Reppu Fjallraven Kanken Hátizsák